Le mamme moderne, soprattutto quelle separate e mediamente in carriera, hanno sensi di colpa. Si sa. E a differenza dei padri non li compensano con regali e regalini.

No. Loro mirano allo sviluppo dell’intelligenza emotiva dei figli. Il QE.

Loro leggono, si sciroppano tutta la manualistica americana e pseudo americana, da Biddulph ai No che aiutano a crescere, passando per Françoise Dolto e a Chipiùnehapiùnemetta.

L’ultimo che mi è capitato in mano è “Genitori efficaci”, di Thomas Gordon.

Il buon Gordon sostiene che ci sono dodici risposte genitoriali tipiche che proprio NON vanno, NON funzionano e NON devono essere adottate da un genitore che voglia essere degno di tal nome.

Le dodici risposte sono:

1)      dare ordini, dirigere, comandare (smettila di..)

2)      avvertire, ammonire, minacciare (se fai questo…)

3)      esortare, moraleggiare (dovresti…, sarebbe bene che tu…)

4)      consigliare offrire suggerimenti e soluzioni (secondo me potresti…)

5)      insegnare, argomentare, persuadere

6)      giudicare, criticare, opporsi biasimare

7)      elogiare,assecondare

8)      etichettare, ridicolizzare, umiliare

9)      interpretare, analizzare, diagnosticare

10)  rassicurare, consolare, sostenere (non preoccuparti, tutto si risolverà…, non è niente…)

11)  inquisire, fare domande, interrogare

12)  sottrarsi, cambiare argomento, scherzare, distrarre.

 

Dopodiché ho analizzato una comunicazione mamma-figlia, una di quelle banali. Ricorrono tutti i numeri, tranne forse l’8 (ma ranocchietta e cuccioletta sono etichette?), del tipo: Sabrina, smettila di gridare (n. 1), perché se continui così tra un po’ saliranno quelli del piano di sotto a protestare (n.2). Dovresti imparare a parlare a bassa voce (n. 3). Ecco, brava, così va molto meglio (n. 7). Sì, sì, lo so che gridavi perché mi volevi nella tua stanza, ma così non va bene, non va proprio bene (n. 6). Ranocchietta di mamma (n.8), adesso non posso giocare con te, sto cucinando, ma vieni qui e dammi un bacio (n.12)…ehi, e che sono ‘ste mani nere? Che hai combinato? (n. 11).

Corri a lavarti le mani e vieni SUBITO a tavolaaaaa.

 

Delle due: o sono una pessima mamma, o lo è Gordon.

E magari compra anche la playstation ai figli, roso dai sensi di colpa per aver scritto qualcosa di così idiota.

Annunci

19 Risposte to “”

  1. Matho Says:

    io ho una teoria: bisognerebbe scambiarsi i figli. ciascuno di noi è bravissimo con quelli degli altri. io, per esempio con il mio seguo tutti i punti dall’1 al 12 mentre sono bravissimo con i figli di mia sorella.
    M.

  2. verdad Says:

    gordon: “sucks” direbbe un mio amico inglese…

  3. 7soci Says:

    ora il dubbio mio è: se sai perfettamente che questa gente scrive chili di cazzate (e probabilmente lo fa solo per incassare denaro) perchè continui a comprare quella roba?
    socio1

  4. Flounder Says:

    compro solo la Dolto, che è l’unica con un po’ di sale in zucca. gli altri meli regalano, prestano, etc etc

  5. prufrock1962 Says:

    cara flounder, qui il discorso sarebbe lungo. da padre separato quale sono. con 2 figli. ora, se me lo permetti, quella frase sulla compensazione con regali, ecc. la trovo giusta, ma irritante perché sorretta da una buona dose di incomprensione o superficialità o pregiudizio circa la posizione paterna (spesso generata da sopraffazioni e violenze ed umiliazioni regolate dal nostro sistema giuridico, che caccia a forza la figura maschile in un vicolo buio & secondario, riabilitando spesso la figura materna in modo vessatorio e da luogo comune ed ingiustificato se si ascoltassero anche i desideri dei figli).ma qui so di distaccarmi dal filo angolare del tuo post e mi fermo

  6. Flounder Says:

    caro prufrock,
    sono assolutamente d’accordo. Esiste un bellissimo libro di una francese, una giurista, .
    Marcela Iacub, che si intitola “L’empire du ventre” .
    E’ un’analisi estremamente ragionata della maternità e delle sue implicazioni sociali, è una notazione a margine di questo mondo che concepisce l’unica maternità possibile quella originata dal ventre, con tutto quel che ne deriva.
    Ossia diritti negati alle madri adottive, paternità misconosciute in nome della predominio dell’utero, stigmatizzazione delle “mères porteuses”,coloro che offrono i propri uteri in affitto, mancato riconoscimento della paternità/maternità alle coppie omosessuali.
    Amo la Francia per questo genere di riflessioni. E’ un paese che ha filosofe e femministe. Ma quelle vere, che non schiacciano, che non riducono l’uomo a zerbino. La Francia ha una legislazione sull’adozione che consente anche alle madri o ai padri separati di adottare altri bambini, che valuta la capacità genitoriale non in termini di uteri e capacità di inseminare.
    Tu hai perfettamente ragione, prufrock. Anche il migliore dei padri, di front alla Mater matuta mediterranea viene svilito, annullato.
    Il dibattito è lungo e articolato, non era mia intenzione ridurlo a pure affermazioni sessiste.
    saluti e baci

  7. Flounder Says:

    mi sa che l’a href si mette prima, ve’?

  8. prufrock1962 Says:

    ti chiedo scusa, ho frainteso una frase, è che per me questo (benché nel complesso viva uno stato di paternità migliore di altri) è un argomento delicato. scusa ancora. ciao

  9. Flounder Says:

    niente scuse nel mio blog.
    è un argomento delicato per chiunque.
    siamo figli di una generazione di padri assenti. e questo complica tutto.

  10. verdad Says:

    fiuuu… la storia dei padri assenti.

  11. Calibano Says:

    io diffido sempre dei manuali, soprattutto quelli di psicologia spicciola che voglio insegnare come vivere….
    sempre meglio essere se stessi…

  12. anonimo Says:

    ho capito! il “buon Gordon”, come lo definisci tu, non ha figli!

  13. anonimo Says:

    cara verdad
    sono d’accordo con te: ‘sta storia dei padri assenti è la + grande bufala mai inventata.
    Io mi ricordo che i miei genitori mi lasciavano fare quello che volevo e io ero la persona più contenta del mondo
    Mi stressavo quando volevano impormi qualcosa o quando mi controllavano!

  14. anonimo Says:

    uops scusate: socio1

  15. anonimo Says:

    padri asenti, mamme presenti, nonni distanti, cugini asfissianti, parenti serpenti…..

    domanda: MA COME SI FA A PRETENDERE DI STILARE UN MANUALE PER GENITORI?

    “caro sai ho comprato il manuale del genitore perfetto. Se ne compriamo 12 scatoloni ci regalano il diploma del genitore perfetto, che potremmo appendere vicino alla patente nautica presa con l’abbonamento del telefono, o al brevetto da pilota quello che ci regalò il tuo amico delle pentole, e poi magari invitiamo la maestra del piccolo così vediamo se la prossima volta si permette di riprenderci per come NOI intendiamo l’educazione e la “CULTURA”!

    SBANG!

  16. Flounder Says:

    vi prego di CALMARVI!!!

  17. lupesio Says:

    Padri assenti? No, non credo.
    Padri severi si. Ma questa è un’altra storia.
    E sai benissimo, Flo, che non bisogna generalizzare.

  18. anonimo Says:

    CALMARCI?
    Epperche?
    Cacci fuori un’infilata di luoghi comuni – last but not least – la storia della play, e ti aspetti che nessuno reagisca? Se potessi avrei già comperato a mio figlio l’intera collezione Ferrari dagli anni 60 ad oggi senza per questo sentire che lo faccio per togliermi i sensi di colpa.
    Che per inciso non ho!
    Socio1

  19. anonimo Says:

    questa la devi girare su bimbidiblog flo’ quanto a queste teorizzazioni sono molto molto diffidente anche perchè penso che i nostri figli prendono da noi queello che noi siamo non quello che vorremo essere o sentiamo di dover essere … ci respirano insommma altro che teorie
    a proposito flo non ti ho detto la mia homepage
    variazionisenzatema.splinder.com
    ciao
    :–)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: