Alcool

Mi sono ubriacata tre volte. Tre volte di quelle che intendo memorabili, insomma. Di quelle che le puoi raccontare. Ho un’ubriacatura che comincia con una lieve euforia, sale in crescendo e finisce con una sbronza triste, molto triste.

La prima a 18 anni a Parigi, gita scolastica e tappa obbligatoria al Lido. Nell’autobus che ci riportava in albergo mimai uno strip tease col professore di chimica, 60 anni, pelato e grassissimo.

Al ritorno mandò a chiamare i miei genitori e spifferò tutto, il bastardo.

La seconda a 22 anni a Tokyo. A una festa di compleanno di una taiwanese che si chiamava Mei Li o qualcosa di simile. Bevvi solo un paio di bicchierini di sakè. L’ultima cosa che ricordo è la porta dl bagno. Nell’ “Ubriacatura nipponica, scena 2” sono sul letto in pigiama. Al mio capezzale c’è Michel.

– Che ci faccio qui?, gli chiedo.

– Sei svenuta

– Ah, e chi mi ha portato qui? (quarto piano senza ascensore)

– Io

– E chi mi ha messo il pigiama?

– Io

– Sei un porco, approfittare di una donna svenuta.

Gli tiro un ceffone e mi riaddormento.

La terza a 26 anni a Roma. Condividevo l’appartamento con Laura e la casa era sempre piena di gente. Quella sera ero andata a cena fuori, così vicino da poter rientrare a piedi. Entro in casa dopo la mezzanotte, sono tutti sbracati sul divano, sul tappeto e ridono. Musica disco a massimo volume, molti ballano. In stato di totale incoscienze tolgo il CD dallo stereo e ci piazzo uno di tango, cupissimo. Silenzio in sala. Comincio a raccontare la tristissima vita di Carlos Gardel, iperromanzata, con tutti i dettagli che in quel momento mi frullavano per la testa. La tragica fine in aereo quando sta per tornare insieme alla donna della sua vita, conosciuta anni addietro in un bordello di Valparaìso. Un po’ alla volta gli ospiti salutano e scappano via, mentre io singhiozzo disperatamente al pensiero della storia, peggio che se mi fosse morto un parente.

Tre giorni dopo incontro una tipa in via Merulana, mai vista prima. E lei mi fa:

“Ma tu sei quella di Gardel!”

“In che senso?”

“Ero a casa tua l’altra sera…ma sei un’attrice?”

e dopo aver ascoltato i dettagli della mia scena pietosa, da quel giorno non mi sono ubriacata mai più.

Annunci

22 Risposte to “Alcool”

  1. ZakMCkracken Says:

    L’umana vita è breve, ma più di chi non vive è morto chi non beve.

    🙂

  2. TheLordOfTheBirds Says:

    solo 3 volte? ..no no, non ci siamo, devi rimetterti in pari, ragazzina.. tsk tsk, per la prossima settimana mi aspetto almeno una sbronza della quale tu non possa scrivere nulla perchè non avrai ricordi da scrivere..ok? 😉
    ciaoCiao, Lord.

  3. lupesio Says:

    io solo due volte

  4. Matho Says:

    io qualcuna di più …. ed ho esordito non a tokio ma in alcune bettole niente male!
    (ognuno fa quel che può).
    M.

  5. dev7brain Says:

    … per quanto bevessi, non sono mai riuscito ad ubriacarmi in vita mia. mai cosi’ tanto da perdere il controllo

    al contrario, ai tempi del liceo ero sempre quello che, alle feste, si prendeva cura degli amici. maschietti e femminucce intendo, senza disparita’. li portavo in bagno, li facevo vomitare, li pulivo, li spruzzavo di acqua sul viso, li riportavo indietro.
    ( non che sia diverso dal 20% degli interventi in ambulanza, beninteso…)

    il punto e’…
    … che ci sono persone fortunate, cui basta un bicchiere, persone meno fortunate cui ne bastano due, persone ancora meno fortunate cui necessita tutta la bottiglia

    e poi ci sono quelli come me, cui non e’ concessa tregua

  6. utente anonimo Says:

    Ma che cose strane che si leggono ultimamente su questo sito. Comunque, io con o senza alcool mi sento sempre ubriaco … quantomeno risparmio sulle spese.
    G.

  7. Flounder Says:

    ciao G.
    il blog sente la tua mancanza. me l’ha detto in gran segreto, e giurerei che avesse gli occhi velati di lacrime.

  8. 7soci Says:

    sono io geloso di g.
    socio 1 ha cancellato il mio commento di scuse ma vedo che vi siete riconciliati
    socio2

  9. utente anonimo Says:

    socio2 ma sei stupido?
    S1

  10. utente anonimo Says:

    Può darsi che anche il blog fosse semplicemente ubriaco. Passata la sbornia vedrai si sarà dimenticato di tutto.
    G.

  11. fuoridaidenti Says:

    Io ho smesso di contarle, ma non è questo il punto. Il punto è se ricordi il titolo del CD, di quello cupo di tangos

  12. zop Says:

    prova con le canne!

  13. utente anonimo Says:

    insomma povero michel … nessuna presunzione di non colpevolezza per lui?
    :–)

  14. caporaleReyes Says:

    ebbé sì, il professore di chimica poteva tenersela, la storia del tuo strip mimato. certo però che lo reggi male, l’alcool …

  15. Flounder Says:

    per G.
    il blog era sobrio mentre diceva queste cose. e poi chi mi conosce sa che non sono una sdolcinata. se non ci credi, , chiedi a socio1

    per fuori dai denti
    il disco era el tango del exilio de Gardel, di Piazzolla e altri

    per caporaleReyes
    da quel giorno ho cominciato ad allenarmi. adesso l’alcol lo reggo benissimo. così bene che oltre allo strip tease faccio pure la lap dance

    per utente anonimo non meglio identificato
    nessuna presunzione di non colpevolezza. il soggetto aveva manifestato una certa recidivicità.

    per zop
    la mia esperienza “didattica” con le canne la racconterò in un altro post

  16. Flounder Says:

    recidivicità? recidività?
    che giornata!

  17. fuoridaidenti Says:

    allora malgrado la sbronza un minimo di contatto non l’hai perso. Bel disco. Io di Piazzolla ho solo qualcosa degli Aires Tango e dei Kronos quartet

  18. utente anonimo Says:

    …e visse felice e contenta.
    sigh
    s1

  19. hladik Says:

    l’utente anonimo non meglio identificato che ha commentato questo post e altri due o tre tuoi sono io da altro pc :–) ciao flo’

  20. decupando Says:

    mai smettere
    lo conosci quello che disse…
    “il superio e’ solubile nell’alcool”

  21. hladik Says:

    dunque dì la verita che da stazione di osservazione il tuo blog si è messo a navigare nave tra navi e cannocchiale e registro sono stati buttati a mare …

  22. Flounder Says:

    no, no, leggi l’ultimo post.
    è direttamente dalla coffa….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: