Camminavi per il mondo

Quando il re sentì queste parole, non gli dispiacque di ascoltare il racconto di Shahrazàd, anche perché quella notte si sentiva agitato e non aveva voglia di dormire. E Shahrazàd cominciò a raccontare…

La leggenda dell’uomo che aveva perduto le gambe la tramandavano i gitani nelle notti in cui la luna illuminava il Sacromonte e la torre di Camares stendeva un’ombra lunga sui cortili dell’Alhambra.

Si era giocato la vita a dadi e punta di pugnale per amore di una paya e aveva perso il cuore. Poi disperato aveva chiesto al dio degli amori infelici di poterlo riavere, in cambio delle gambe.

Ma si sa che certe divinità si sono create da sole con l’unico scopo di indispettire il mondo e prendersi burla degli umani, così il dio gliele tolse e non gli restituì mai più nemmeno il cuore, lasciandolo a  vagare senza  passo né ritmo.

Sicché ancora oggi quando un ballerino perde il tempo nella vuelta si dice che è il dio degli amori infelici che gli sta disegnando il destino.

Da un passo sbagliato cadrà in un baratro di insania.

Presso i choles e i lacandones la leggenda è riportata in altra versione: si racconta di un’india piccolina che comparve dal nulla e odorava di mare.

Era un odore che nessuno degli uomini della foresta aveva mai sentito prima,  che toglieva il sonno e le forze.

Gli anziani andavano per la selva simili a cani inscheletriti, con questa pena di amore giovanile nelle ossa, finché uno di loro disse: sarò io a ucciderla, in una di queste notti di nebbia e gelo. Si appostò per ore e quando l’india comparve le fu alle spalle. Ma la donna si voltò e gli soffiò addosso il profumo del mare e di un ricordo lontano.

Il vecchio si inginocchiò e pianse.

Prenditi tutto di me, le disse.

Ma l’india sapeva che di lì a poco, all’apparire del giorno, si sarebbe pentito, avrebbe nuovamente desiderato la pace della capanna  e della sua tribù. Così gli prese le gambe, perché lui non avesse a seguirla e soffrire.

Ancora oggi quando un indio soffre di reumatismi si dice che è il ricordo di un amore perduto che gli morde le ossa.

 

Racconta invece una fiaba tonkinese che sulle sponde dell’Irrawaddy una donna offriva storie ai passanti in cambio di una ciotola di riso o qualche taglio di stoffa, quando dal fiume emerse uno straniero dal viso affaticato e sofferto.

Per qualche istante la donna pensò che si trattasse di un Nat, un demone cattivo salito dalle acque per tormentarla, ma poi vide negli occhi dell’uomo la pena di un lungo viaggio e lo addolcì con la fiaba della passera di mare.

Alla fine del racconto l’uomo si addormentò intrecciando i suoi sogni alle radici delle mangrovie. Al suo risveglio la donna era scomparsa e un pescatore gli spiegò che era andata in cerca di cibo per i suoi figli. Lo straniero voleva ascoltare altre storie, ma non aveva stoffe o riso da offrirle. La cercò giorno e notte sulle sponde del fiume e quando finalmente la ritrovò le propose uno scambio: lei gli avrebbe fatto dono di un’altra storia e lui, a sua volta, le avrebbe offerto qualcosa da trasformare in fiaba da raccontare ad altri passanti.

La donna gli fu accanto per tutta la notte, infilando parole come perle, mandandole per il mondo come piccole bestioline che gli facevano solletico sotto la pelle.

All’alba lui si fece amputare le gambe e scomparve, lasciandole un ricordo e una leggenda da ricamare.

Annunci

10 Risposte to “Camminavi per il mondo”

  1. broono Says:

    Ancora oggi, in alcune zone del mondo, si dice che solo le donne possano fare le mondine perchè un giorno ricevettero in dono due gambe che appena toccano l’acqua, si trasformano in radici intrecciate ai sogni che fanno germogliare il riso.

    I loro grembiuli, si dice, sono ricordi di tagli di stoffa nei quali conservano il riso ricevuto in dono per le loro storie.

    La schiena piegata, si dice in alcune parti del mondo, la tengono perchè da quel giorno i loro sogni si sono intrecciati come radici di mangrovie e per questo, quando li vogliono rivivere, guardano le loro gambe immerse nell’acqua.

  2. fuoridaidenti Says:

    In tutti i casi, a mio modestissimo avviso, valeva la pena di perderle, quelle gambe

  3. dirtyinbirdland Says:

    c’è una bellezza, nella mutilazione, che odora di umano, benché ne tenga dentro il controcanto, non credi?

  4. charm Says:

    vorrei perdere le gambe anche io, a questo punto.

  5. Bustrofedon Says:

    Io le gambe le tengo, ché vorrei ancora andar giù per qualche onda, ma mi hai ricordato Maggiani ed il suo viaggiatore notturno, le sue storie, il suo parlar pacato ed affascinate,…

  6. Flounder Says:

    secondo me questo post è bellissimo. e anche i vostri commenti e la foto di broono, che mi ha fatto ricordare di una volta che costeggiavo una risaia, in nepal, e sono caduta in una cosa che sembrava una sabbia mobile e non riuscivo più a venirne fuori e annaspavo e mi aggrappavo alle pianticelle e queste cedevano.
    mi sono spaventata a morte, sono sprofondata fino alla vita e quando ne sono venuta fuori avevo fango dovunque.

    e comunque se io fossi l’uomo che aveva perduto le gambe, mi ruberei (a me Flounder, dico) e mi porterei via in un posto segreto segreto dove si possono dare i baci senza essere disturbati.
    nemmeno all’ora dei pasti.

  7. Flounder Says:

    maiko, io vorrei anche credere a ciò che mi scrivi.
    ma non ne afferro pienamente il senso, questa cosa del controcanto.

  8. BellaLu Says:

    senti Flounder io avrei una lista della spesa che comincia così “latte, candeggina, pelati grandi e piccoli…”. Ecco io scommetto che le tue invece sono lunghe belle e avvincenti, e che ci lascerebbero incantati come le tue storie… ah come vorrei leggerle…

  9. Flounder Says:

    …è così che nascono nuove idee…

    le fette d’ananas si sarebbero allora disposte a raggiera, trasformando una piovosa giornata in un ricordo di mare e di sole.
    così il peso della vita rotolava via leggero, come i rotoloni regina, confezione da sei.
    tracciò una riga nera sull’ultima voce: pane.
    e in quel momento seppe che la quotidianità non la si acquista al supermercato

  10. AnnaBella Says:

    questo me lo ero perso. E’ molto bello, davvero, ma francamente non sono così sicura che mi giocherei le gambe….
    E’ un caso che siano tutti uomini i poveri amputati?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: