Imago Mundi

In alcune cosmogonie di culture minori si racconta che il mondo si costituisce a partire da una forma e da un elemento della natura, sia esso vento, seme o altro e che il Creatore insuffli il suo soffio vitale e improvvisamente lo animi.

Il mondo di cui andrò a raccontarvi stamattina nasce da una sfera e da un seme di anacardo.

Una dea dai capelli color tiziano ci soffia sopra e d’improvviso si creano il cielo, la terra e il mare, le stelle e i tramonti.

Ma la dea si sente sola, al cospetto di tanta bellezza.

Allora soffia ancora e la sfera si riempie di bottiglie di Nero d’Avola e salatini giapponesi.

Ma ancora così la dea è triste.

Cosa fare di questo mare immenso, di questo cielo e di queste bottiglie?

La dea crea un barcaiolo e una barchetta.

(commette qui una serie di errori strategici, che ci fanno dubitare della sua reale essenza divina, per quanto dopo un attimo di sbandamento siamo tutti pronti a riconoscere che i disegni divini sono imperscrutabili e che anche il barcaiolo Gennaro e il suo cellulare hanno una funzione precisa).

Ma la dea non è ancora soddisfatta: sola, con la sua barchetta e i suoi semini, in mezzo al mare, sente che il mondo non è completo, che forse manca qualcosa.

E d’improvviso crea la parola, la aggrega, la combina e dà forma a una serie di esserini dalle fattezze umane: sono i blogghèr, simili agli elfi dei boschi ma molto più belli e simpatici.

La dea è soddisfatta

Gli esserini minuti che la circondano sono felici: porgono offerte e doni di ringraziamento, si nutrono e bevono il suo nettare. Intonano canti e innalzano musiche.

Un bellissimo compleanno, Hanging.

Grazie.

Annunci

14 Risposte to “Imago Mundi”

  1. riccionascosto Says:

    (E’ perché Luglio è un mese creativo)

    Auguri, allora

  2. Flounder Says:

    per conto oggi c’è un cielo novembrino.
    (credo che ieri sera la dea avesse previsto di non far piovere fino a notte inoltrata, per non inzuppare la creazione)

  3. 8e49 Says:

    il cielo novembrino di oggi è ancora illuminato, in qualche modo, dalla felicità di ieri
    grazie ad Hanging
    (epperò certi errori strategici dalla dea proprio non me li sarei aspettati, devo dire 🙂

  4. didolasplendida Says:

    E’ da ieri che penso al concetto di bellezza, a quella barca che ci ha racchiuso e ci ha allontanato dal caos cittadino, a quei gabbiani che volevano i nostri anacardi, al nostro ritorno al mare, ho dormicchiato stanotte.
    Il temporale ha dato nuovi toni di azzurro a Capri, al Vesuvio , al mare e al cielo
    però a pensarci bene la gonna da naufraga avrebbe fatto pendant molto pendant con la barca.

  5. aitan Says:

    Per il globo sacro!, ma non è che dediti al culto come siamo, stiamo cominciando ad usare un linguaggio iniziatico poco adeguato ad uno spazio pubblico come un blog tanto vastamente popolato come il suo, mia cara Flo?
    Ecco perché non dirò di quando Nostra Signora degli Ancardi ci ha lanciato il suo ultimo enigma con linguaggio sibillino in bocca sorridente di Sfinge dalla criniera color Tiziano… Ed io già ci visti tutti avvolti nel gradevole vortice di un altro incantesimo.

  6. aitan Says:

    Quel finale del post precedente non è parte del linguaggio esoterico di cui non dirò. E’ un errore di battitura per
    Ed io già ci ho visti tutti avvolti nel gradevole vortice di un altro incantesimo.

  7. HangingRock Says:

    Non è vero, le cose non sono andate esattamente così.
    Prima fu il Bloggher, col suo essere un essere che fondamentalmente di mestiere tippeta.
    Poi fu la Bellezza, col suo essere un essere che fondamentalmente fa la zoccola.
    La Bellezza si innamorò del Bloggher e lo sedusse con vino rosso e patatine.
    Dalla congiunzione delle loro anime nacque la parola. Dalla congiunzione su strada dei loro corpi nacquero i bloggherini.
    Ora, in questi bloggherini i doni di mammeppapà si sono combinati un po’ alla cecata, senza un progetto, e così sono usciti tutti diversi, come le pupille.
    Uno di questi, che da papà aveva preso il silenzio, e da mammà il sesso e la fissazione per certi strumenti di seduzione, un giorno si innamorò dei fratellini. Desiderando farli suoi e d’altra parte avendo pochi mezzi, avendo investito tutto su taralli, pistacchi e bottiglie, si rivolse con troppa fiducia al barcaiolo Gennaro, affinché gli usasse la gentilezza di mettere a sua disposizione terra, mare, tramonto, venticello e due gozzetti al prezzo di uno, nonché ad un terzo del prezzo di quell’altro là, quello nel posto di fronte che se la fa con quelli che sul setteqquaranta chiagnono miseria e per consolarsi si fanno lo iòt.
    Il barcaiolo Gennaro accettò la proposta con un entusiasmo che col senno di poi sarebbe apparso con chiarezza fin troppo sproporzionato rispetto alla schifezza dell’offerta, ma che tuttavia all’epoca, inspiegabilmente, non insospettì la bloggherina. E così l’affare si concluse.
    In effetti il piano funzionò alla perfezione, tant’è che il bloggherini, sedotti dall’idea (idea, non dea!), riempirono la sorellina di regali, talmente tanti che lei a un certo punto sentì l’esigenza di privarsi di qualcosa che già le apparteneva per lasciare spazio sufficiente per accoglierli, ché tutte quelle cose nuove, tutte insieme, erano troppe. Così, con nonchalance, immerse con gesto lieve la mano nell’acqua e, quasi fingendo si fosse trattato di una fatalità, si lasciò sottrarre dal mare l’anello che aveva al dito, un anello stupendo, appena comprato a Stromboli, con tutti i campanellini.

    Ah, che serata!
    Si potesse dire lo stesso del risveglio… Mal di testa da desiderare la decapitazione, faccia nella tazza del gabinetto, un dottore che mi spertusa il culo con un megasiringone e, in tutto questo, il barcaiolo Gennaro che mi tempesta di telefonate tipo serial caller “p’ ssapè si ajer ser’ è gghiùt tuttappost”…

    La morale della storia è: mai dare il numero di cellulare al barcaiolo Gennaro. Meglio farsela con quello di fronte.

  8. anonimo Says:

    uh, che cosmogonie sballate, io pensavo ad una blogsfera che si popolava darwinisticamente a partire dagli elettroni…pensaunpo’!

    Auguri, comunque a tutte e due.

  9. dadau Says:

    buon compleanno!!!
    😀

  10. stefko Says:

    E per l’ennesima volta mangio le mani…

  11. cf05103025 Says:

    ma chi è il barcaiolo Gennaro?
    chi compie gli anni?
    chissarà?

    siete lambiccate voi

    Mario

  12. cf05103025 Says:

    comuque,
    gradierei un gelatino, grazie, in quanto compiuto anni
    il 2 luglio sc.,
    ecco
    Mario

  13. anonimo Says:

    … “Altro non so”??

    (eddai)

    lisa

  14. pispa Says:

    auguri marius

    io mi sono sposata il 2 luglio, t’è andata meglio a te.. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: