Postisterico

Ieri sera in  quel film,  quello  scemino  della ragazzina che scopre di  essere a sedici anni la principessa ereditaria del regno di Genobia e vuole fuggire, a un certo punto si sente questa frase qui: il coraggio non è la mancanza di paura, ma la consapevolezza che esista qualcosa che ha più valore della paura.

Dopodichè mi è venuta la nausea.

Quelle nausee che assomigliano al mal di mare, quelle della mancanza di equilibrio e del corpo che cerca di adattarsi alle posizioni che mutano repentinamente.

Ieri sera era come se avessi avuto un bilancino in mano, quelli piccini per pesare l’oro o la polvere da sparo, che bastava uno scarto minimo per far esplodere il mondo.

Che a volte la mia logica fa acqua da tutte le parti.

Non so come, ma si confonde di colpo e mi perdo i pezzi di ragionamento.

Entro nei microtunnel e non mi accorgo del girovagare, da premesse fallaci salto a conclusioni avventate. Impeccabilmente.

Alla stessa ora è ricominciato il dolore alla testa. Mi sono fatta di Aulin. Meno uno, almeno questo.

Il catalogo me lo fai così e cosà, la sala e gli allestimenti, il discorso della nautica deve durare mezz’ora, due ecografie, ventiquattro doppie uso singola, frau Lopper viene accompagnata, una serie di racconti, un elettroencefalogramma, l’interprete cinese, il piano costi, una timpanografia di controllo, un’udienza qui e due avvocati lì, mezzo chilo di mail, non accettiamo prenotazioni telefoniche, l’orario dei treni, non hai mai tempo per noi, sostituire il flessibile doccia, il relatore per il dieci dicembre, il bollo auto, poi il tagliando, poi l’inversione delle gomme, incastra il martedì nel mercoledì, dividi per il sabato e sottrai la domenica, due uova rotte per eccesso di fretta, i sentimenti altrui, i sentimenti miei, i sentimenti loro, tre chiamate perse, il sostegno al Manifesto, giovedì compleanno, venerdì l’altra partorisce, voglio la festa senza animatori, signora scelga lei che strategia seguire, il calendario tutto crocette e cerchietti, abbreviazioni, sms, mms, sos, mi dia il codice della sua vita, credo di averlo perso, allora torni domani.

Qui c’è un errore a monte, temo il difetto di fabbricazione.

Scrivo e mi placo, scrivo e respiro. Batto sui tasti e mi dimentico del resto. Mi cullo di tic-tic-tic, mi ipnotizzo.

Rivendico il diritto alla perdita di tempo, lo mischio all’eccesso di precisione e di durezza, mi contraddico, non parlarmi d’amore se non è abbastanza, o tutto o niente, i casi sono due, sono tre, sono otto, sono seicento. E se proprio vuoi parlarmi d’amore, soffia in questi cinque minuti e dilatali, rendili infiniti, legami, bendami e portami in un bosco, però fa’ presto, che alle sette chiudono i negozi e devo ancora comprare l’insalata.

Paura, io? Macchè, non ne ho nemmeno il tempo.

Nemmeno coraggio, se è per questo. Vanno di pari passo, come si è detto.

Che bella sei, infondi calma e sicurezza.

Beata te, che sei così ordinata.

Perché io di te mi fido, sai sempre cosa fare.

Impiegata parastatale imbraccia carabina e spara a vista: dodici i morti e trentaquattro i feriti.

Le avevo parlato ieri, sembrava serena.

Chi l’avrebbe mai detto.

Nulla lasciava presagire.

Aveva una serie di progetti.

Si arrabbiava così di rado.

Era sempre sorridente.

Forse era scema.

Annunci

28 Risposte to “Postisterico”

  1. Zu Says:

    Mi raccomando: aspetta almeno di togliere i punti.

  2. Flounder Says:

    intanto il fatto che l’istinto omicida prevalga su quello suicida mi pare già un buon indice di sanità mentale.
    forse non tutto è perduto 😀

  3. broono Says:

    Più che altro assicurati di arrecare ferite non suturabili.

    Che è sbagliato sparare, si, lo dicono anche i boiscaut, non porta nulla di buono.
    Ma ancora meno proficuo è sparare e prendere di striscio.

    Mira bene, che fa curriculum alla voce “problem solving”.

  4. pispa Says:

    “i casi sono due, tre, otto, seicento”
    appunto, bella questa, flounder 🙂

  5. Flounder Says:

    Toro (20 aprile – 20 maggio)
    Ho meditato sul tuo oroscopo mentre guidavo a 140 chilometri all’ora sull’Interstatale 5 della California. “Illuminatemi su quello che devo dire ai Tori”, ho chiesto alle Parche. Qualche secondo dopo, una Infiniti rossa mi è sfrecciata accanto sulla destra. L’odore del letame di maiale proveniente da una fattoria vicina permeava l’aria. Dal lettore cd, la mistica voce di Krishna Das levava un inno alla Dea da far drizzare i capelli. Nel cielo scuro sopra la cima delle montagne sono apparse improvvisamente pennellate color arancio, dandomi la sensazione che la natura stesse dipingendo un quadro meraviglioso solo per me. Ecco come ho interpretato questa rigogliosa offerta simbolica: un messaggio proveniente dall’eternità ti sfreccerà accanto da una direzione inaspettata. La fertilità riempirà la tua vita anche se avrà un profumo un po’ acre. Entrerai in contatto con una forma di spiritualità virile e possente. La natura ti farà un dono: un magnifico segreto riservato solo a te.

    questo piglia la gente per i fondelli.

  6. anonimo Says:

    il 20 aprile è Ariete.Scusa ma ci tengo a rimanere Ariete malgrado qualche astrologo mi scombussuli continuamente i dodici segni.

  7. Zu Says:

    Dipende dalla tua location, baby: in metrò a Milano di acre fertilità ce n’è a bizzeffe, specialmente nell’ora di punta.

  8. anonimo Says:

    anche a me è piaciuta molto quella dei casi che da due si moltiplicano, fino a seicento eppiù.

    (i miei casi sono sempre da seicento a mille mila.
    se un giorno dovessi trovarmene davanti solamente due, credo che impazzirei.)

    lisa

    e – chioso – abbasso le dicotomie.

  9. Flounder Says:

    i miei sono quasi sempre due, anche nelle successive ramificazioni.
    soffo di una forma grave di manicheismo.

  10. anonimo Says:

    e io di una altrettanto pericolosa: entropia degenerativa.

    :))

    lisa

  11. Zu Says:

    Ogni successiva ramificazione è un altro paio di maniche?

  12. broono Says:

    “soffia in questi cinque minuti e dilatali”

    “soffo di una forma grave di manicheismo”

    Quanti soffi.

    Più che di manicheismo, pari affetta da una gradevole forma di ro-manticismo.

  13. anonimo Says:

    concordo appieno sull’indice di sanità mentale. la rabbia o va verso fuori (istinto omicida) o va verso dentro (istinto suicida). cacciamm a cazzimm

  14. anonimo Says:

    so’ katiuuuscia

  15. katiuuuscia Says:

    con tre u

  16. Flounder Says:

    vi presenta Katiuuuuscia.
    trattatemela bene.

    regina, ho riflettuto sul fatto del 20 aprile. è questione di fuso orario. quando brezny fa l’oroscopo in america è il 20, ma in italia è già il 21.
    tutto quadra, eccetto i contenuti.

    broo’, hai ragione.
    (l’errore ortografico – nel mio caso – è sempre indice di turbamento emotivo, nel bene e nel male)

  17. anonimo Says:

    Respirare.
    Aria dentro. Trattieni un momento. Aria fuori.
    Non serve nient’altro.

    A.

    P.S. non dovesse funzionare, fuori sotto la pioggia a dirotto senza ombrello. Come qui.

  18. Flounder Says:

    ho respirato a lungo, ho preso anche l’acqua.
    è servito.
    non a sciogliermi tutte le tensioni, ma a farmi venire un’idea che attendevo da luglio.
    non so per voi, ma per me scrivere e vivere sono talmente connessi che non potrei rinunciare a una delle due cose senza dover fare a meno anche dell’altra.
    a volte è un male.
    a volte è un bene, come saper suonare la chitarra e sconfiggere i momenti di solitudine.
    il fatto che ci sia qualcuno a leggermi e a restituirmi inconsapevolmente dei pezzi è la cosa più bella di questo blog e delle relazioni che ne sono scaturite.
    onde contenere la melassa vado a prendere un’altra birra.

  19. Flounder Says:

    ieri ero così stressata e distratta da non aver colto in pieno la vis comica di una serie di commenti qua dentro.
    ma cosa mangiate per essere così?

  20. anonimo Says:

    Oggi ho tirato fuori la chitarra invece di scrivere. La birra seguirà a breve.
    Appunto.

  21. Nonostantetutto Says:

    “O munno è comme uno so fa n’capa”.

    Io vorrei avere almeno la metà delle tue ansie pensa te.

    Ad ogni modo la paura ed il coraggio non servono tutti i giorni per fortuna.

    Perchè poi tu non pubblichi libri e altri blogger si?

    Non lo capirò mai.

    Rob.

  22. atvardi Says:

    Io quando soffro di queste manie
    mi abbarbico sulla sirena della nave a vela
    tenendomi ai suoi seni come un pargolo
    e guardo l’orizzonte, fumetto di me stesso.
    Mi chiedo se l’orizzonte sia orizzontale
    come le parole in un bel libro in prosa
    o come il taglio del tuo sesso quando sei stesa accanto a me
    o se possa anche esser verticale
    come un pennone, un salice, un palo da rugby.
    Non rivendico il mio tempo, ma gonfio i miei polmoni
    e ricordo una frase baritonale appesa sul mio armadio
    quando folli e folletti ci scorrazzavano attorno
    LE
    PAROLE
    DEVONO
    RESPIRARE.

  23. Effe Says:

    mica per aumentarle l’ansia, ma dall’eleco degli impegni in agenda ha dimenticato, con grave trascuratezza, l’appuntamento di domani a ore 17.30:
    – Salvare il mondo

    (confesso che, in tema di refusi, avevo involontariamente scritto Salare il mondo. Non sarebbe stata poi una cattiva idea)

  24. sphera Says:

    La carabina può aspettare. Quanto meno fino al momento in cui se sono quarantasei quelli che hai davanti sono quarantasei anche i morti. I casi sono due: o sei vivo o sei morto, essere feriti è da mezzeseghe.(E comunque noi potremo dire che noi, invece, presagivamo eccome)

  25. aitan Says:

    You can’t make an omelette without breaking a pair of eggs…
    OK, forse non diceva proprio così, ma cominciare a rompere consapevolmente un paio di uova dopo aver scelto accuratamente il piatto può essere una buona alternativa alla carabine imbracciata in stile Columbine.

  26. broono Says:

    Un piatto che per l’occasione potresti battezzare

    “L’uovo di Columbine”

  27. Flounder Says:

    roberto,
    poiché stasera sto nervosa assai, è l’occasione giusta per risponderti.
    per pubblicare un libro bisogna prima scriverlo. e io non ci riesco.
    1/3 è snobismo pure: mi guardo intorno e vedo schifezze, dunque non mi abbasso.
    1/3 è autoconsapevolezza: mi guardo intorno e vedo alcune cose bellissime, dunque non mi azzardo.
    il rimanente terzo ha a che fare con i miei limiti e sul fatto che mi manca la capacità di reggere trame e lunghezze adeguate.
    una volta pensavo fosse un problema di inconstanza, ma dopo la cura sistematica che metto in un blog, ho rivisto la posizione.
    fondamentalmente sono prigra. ecco.

  28. Flounder Says:

    rientrare in ufficio dopo 4 giorni di assenza e scoprire che la posta elettronica non funziona.
    ecco, il mondo si ferma, si disfa, si incanta.
    la colpa non è mia, mi dico beata.
    soffrirò più tardi.
    oggi, intanto c’è il sole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: