Ma che freddo fa, ma che freddo fa

Vabbè,  tanto  abbiamo  capito  che  la  mafia  e la camorra non  le  possiamo sconfiggere. Possiamo solo cercare di essere brave persone, nel nostro piccolo. Io poi sono piccolissima, quindi mi riesce facile.

E allora penso ad altro, da ieri mi frulla una domanda in testa: ma quelle donne bellissime che si vedono nei film, quelle che anche in pieno inverno, con la finestra aperta e la neve sulla fifth avenue,  hanno la camicia di notte di seta a bretelline e la vestaglia in seta, esistono davvero in natura?

No, perché ieri sera ho tirato fuori il vestaglione giapponese, una specie di piumino da letto indossabile, ero bella gonfia come l’omino michelin. E sotto un pigiama di felpa grigia e pantofolone, mica quelle cosine con tacchetto a spillo e piume di struzzo. E in mano invece della flute di champagne, una tazza di matè bollente,

Allora mi son chiesta: ma quanto sarò sexy così, quanto?

Mi sono risposta: moltissimo.

La Coscienza era già andata a letto, in baby doll nero e culotte di pizzo. Non mi ha sentito.

Annunci

40 Risposte to “Ma che freddo fa, ma che freddo fa”

  1. v41eri4 Says:

    ahahahaha!
    quanto è vero ‘sto post!
    🙂

  2. biancanera Says:

    Altro che baby doll… Io, d’inverno, indosserei scafandri integrali foderati di gommapiuma termica (esiste? no? la dovrebbero inventare). Le donne di cui parli, quelle bellissime dei film, secondo me sono dei cyborg.

  3. hobbs Says:

    …ringraziando il cielo la coscienza non ascolta, quasi mai almeno…

    p.s.

    ma cosa è il matè?

    H.

  4. Flounder Says:

    questo fatto qua.
    ha due effetti collaterali: il primo è che con quella specie di pipetta ti ustioni le labbra. a volte la pelle si stacca per pezzettini e si fonde sul metallo.
    la seconda è un effetto depurativo pressoché immediato. quasi fulmineo.

  5. utente anonimo Says:

    io sono una di quelle donne che con -30° va a letto in sottoveste nera (rigorosamente da sola).
    quando è un po’ più caldo, neppure quella.
    il trucco è questo:
    compra un vero piumino d’oca (il mio è ungherese ed è stato comprato lì a relativamente poche lire).
    non c’è da fare altro.
    non ho più un pigiama neanche a cercarlo. li ho sempre detestati, del resto.
    🙂
    solotu

  6. hobbs Says:

    …quindi devo scegliere il male minore…

  7. riccionascosto Says:

    Bon, io ti devo dire che ho messo oggi le calze per la prima volta.
    E mi sono arresa (a 11 gradi) allo scaldacuore di lana (ma sotto, canottiera con bordo di pizzo).
    Insomma, non soffro particolarmente il freddo.

    Comunque, -30 qui non lo fa mai e non amo le camicie da notte; casomai, anche in inverno, preferisco senza (ma come solotu, ho un vero piumino d’oca)

  8. broono Says:

    Si può avere il numero di telefono di questa Solo Tu?

    Grazie.

    No…cosa hai capito…è per suggerirle di indossare anche lei un “piumino indossabile” che è innegabilmente più comodo e, alla bisogna, sexy. Mica per altro. No no.

  9. e.l.e.n.a. Says:

    esistono, esistono, flou. io non sono né bellissima, né da film, né da sexy lingerie, né cyborg. E’ che ho una temperatura alterata… davvero!
    (mica per nulla mi chiamano scaldotto)

  10. broono Says:

    Si può avere l’indirizzo di questa E.l.e.n.a.?

    Grazie.

    No, cosa hai capito, è per darle una mano a ristabilizzare la temperatura e consentirle così di indossare anche lei il “piumino indossabile” che è innegabilmente più comodo e, alla bisogna, sexy. Mica per altro. No no.

  11. utente anonimo Says:

    broono, ma sei lì proprio col fiato sul collo!
    rilassati un attimo, dai.
    🙂
    solotu

  12. HangingRock Says:

    Dice il mio collega Carlo, magister elegantiae e inflessibile castigatore di cattivi ‘costumi’, e che sul tema ha anche scritto un libro di cui è passato alla storia il capitolo intitolato “pance e pence”, insomma, dice questo mio collega Carlo che la donna dovrebbe andare a letto con nient’altro addosso se non il proprio profumo. E fin qui, nulla di originale, lo faceva pure Marilyn. Il bello sta nella liturgia di profumazione, anzi, di profum-azione. Il profumo non va volgarmente applicato sui punti caldi, no, ché sennò si crea addosso una mappa olfattiva disomogenea. La procedura è la seguente: si spruzza nell’aria mezza bottiglia di profumo come se fosse uno spray assorbi-odori, dopo di che si attraversa la nuvola con la grazia di un gatto, come se si stesse facendo un défilé. A quel punto si è pronti per abbandonarsi a una notte di sonno o di passione.

  13. broono Says:

    Solo Tu, non è fiato sul collo quello che senti.
    E’ una nuvola di emozioni sparse nell’aria come fossero uno spray assorbi-odori!!!

    Poi ognuna è libera di attraversarla con la grazia di un gatto, come se stesse facendo un défilé o di girarsi di scatto con il gomito ad altezza mento.

    E’ che son così.
    C’ho questo vizio della sublim-azione.

    🙂

  14. HangingRock Says:

    Ciò detto, ieri sera, non senza una certa soddisfazione, mi sono infilata un bel pigiamone di pile e mi sono sparata una phonata di un quarto d’ora dentro al pantalone, nonché dentro alla manica nella posizione dello spaventapasseri.

  15. utente anonimo Says:

    l’immagine della phonata è meravigliosa.
    me-ra-vi-gli-osa.

    lisa

  16. utente anonimo Says:

    gliò?
    sa.

    lisa

  17. utente anonimo Says:

    Per un’intensa notte di passione è consigliato anche il look “zampognaro”.
    Credo che il mio ex ancora non si sia ripreso. Porello.

    ao’, ma quanno fa’ freddo fà freddo e ‘sta cosa che bisogna essere sexi a tutti i costi non mi scende proprio.
    E sotto i 20° è impensabile.

    Ste

  18. utente anonimo Says:

    ah, qui di donne con vestiti di seta a bretelline e le gambe e le braccia violacee se ne vedano tante per la strada nel finesettimana.
    per le altre e’ gia da qualche tempo che si fa omino michelin, tanto che anche la coscienza ormai non si ricorda piu’.

    cosima

  19. Flounder Says:

    nonzò che dire.
    siete delle superfemmine.
    e comunque sotto il piumone lo so fare pure io.
    io parlo del fuori-piumone!

  20. Flounder Says:

    broo’, dopo questa faccenda dell’indirizzo di elena e solotu, sappi che sono mortalmente offesa.
    credo che non vedrai mai il mio vestaglione giapponese e il mio pigiamone. MAI.
    piuttosto me li tolgo, ma questa soddisfazione non te la do. 🙂

  21. broono Says:

    Flò, dovresti conoscermi ormai, i miei sono sfoghi che si rivelano innocui entro i primi 5 minuti.

    Lo sai che voglio solo tu.

  22. Flounder Says:

    cioè praticamente io qui lavoro per conto terzi?

    mi rimetto il vestaglione, va’.

  23. broono Says:

    Ecco brava, ché io non sono lì e quindi non vedo alcuna ragione perchè tu debba star senza.

    Lu suu chu vugluu sulu tu.

  24. utente anonimo Says:

    si puo’ avere il numero di telefono di questa flounder?

    no cosa avete capito è per regolarle il termostato in stanza da letto

    r

  25. broono Says:

    No.

    Le ho appena telefonato per sapere se potevo rispondere io

  26. Flounder Says:

    per piacere, non scherzate sulla camera da letto, che sono sensibile. tutta esposta a nord, d’estate freschissima, d’inverno un gelo mortale.

    non mi metto il cappellino di lana della nonna solo per decoro.

    (sì, sì, lo so che non mi telefonate più, ma io non posso mentire. non ai miei lettori, no: la Coscienza mi si ribella)

  27. nomdart Says:

    La differenza la fa il riscaldamento, credi a me, che a NiùIorc ci ho vissuto d’inverno… Però neanche io avevo la camicia di notte sexy. Nè il mio room mate (che non è lo stesso che il mate).

    (si può avere l’indirizzo della Coscienza, o almeno il numero di telefono, n’zisammai!)

  28. Zu Says:

    Oh beh, ricordo ancora con raccapriccio di quando durante la naja un’altoatesina mi portò in Val di Cembra, periodo invernale, casa non riscaldata: ebbe modo di constatare che perfino un alpino, al gelo, si rattrappisce tutto.

    Laddove invece la temperatura non sia troppo vicina allo zero, trovo meno importante l’abbigliamento preventivo che non la disponibilità a farsi scaldare cuore, coscienza e cosce. Più che come ci si veste, conta come ci si sveste. Soprattutto per chi sexy lo è inevitabilmente, fin dallo sguardo.

  29. utente anonimo Says:

    dai dai, si può avere almeno l’indirizzo di questa flounder?

    no è per venire a girarle la casa oppure a taroccarle la bussola

  30. e.l.e.n.a. Says:

    …dammi solo un minuto un soffio di fiato un attimo ancora…

    (data la faccenda dei 5 minuti ne supplico ancora uno, broono, come al mattino quando ci si deve svegliare…)

    innanz’a te, flou, non ci resta che piangere…ignude e dolenti… 🙂

  31. cyrano56 Says:

    :-)))

  32. broono Says:

    No, macché supplicare.
    Basta chiedere.

    Ma proprio solo uno?

  33. Flounder Says:

    Cara Coscienza,
    dimmi: cosa c’è di sbagliato in me?
    Tua inquieta Flounder

    Cara Flounder,
    hai 7.392 ore di tempo o faccio una sintesi?
    Tua iperespressiva Coscienza

    Cara Coscienza,
    dimmi tutto.
    Tua “devo sapere” Flounder

    Cara Flounder,
    hai un potere di sintesi pazzesco.
    Tua “non ho null’altro da aggiungere” Coscienza

  34. RenatoR Says:

    uff

  35. Flounder Says:

    che è?

  36. Flounder Says:

    Cara Coscienza,
    ho acceso il riscaldamento in barba all’ordinanza comunale.
    Tua congelata Flounder

    Cara Flounder,
    in questi giorni mi stai deludendo come non mai.
    Tua frigorifila Coscienza

    Cara Coscienza,
    ma è un’emergenza, ti giuro.
    Tua ecosostenibile Flounder

    Cara Flounder,
    il freddo è uno stato dell’anima. Io ho il caldobagno incorporato.
    Tua termoautonoma Coscienza

    (vi giuro, si muore)

  37. utente anonimo Says:

    Ho i ditini gelati.

    Ste

  38. RenatoR Says:

    .. è che io ti ho orientato il blog verso sud, ma la camicia da notte di seta nera mica l’ho ancora vista.

    r

  39. Flounder Says:

    e non si vedrà fino a maggio.
    vado in letargo.
    (anche se la biologia racconta che la sogliola si riproduce nei mesi freddi, ma secondo me è tutto da verificare)

  40. pispa Says:

    modestamente quando vado a letto e fa molto freddo, indosso solo due dita di latte caldo, e miele..
    (chi è che lo diceva? però è buono lattemiele:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: