Slow-slow, quick-quick

Io  non  conosco  scorciatoie  per  superare il  dolore, no. Posso solo immergermi, tuffarmici dentro come un liquido amniotico e farmi imbevere. Finirci dentro, come andare con il capo sott’acqua fino a sentirmi soffocare.

Non so sfumare, non so lenire, non so distrarmi.

E d’altronde tutto servirebbe a potenziarlo, a offrirgli nutrimento.

Non conosco scorciatoie, no. E se pure le conoscessi, non le percorrerei.

Perché i dolori sono matasse di cui bisogna afferrare il bandolo e da quello leggere, derivare un come e un perché, senza alibi.

Il mio viso ne fa le spese, il mio corpo paga tutto. Mi crolla la faccia, letteralmente, e si scatenano dolori erratici e nausee, herpes, tachicardie e fiato corto. Chi mi ha visto lo sa, sa che il mio corpo si piega. Che invecchio improvvisamente e nessuna rete di contenimento riesce ad ingabbiare la frana del mio viso.

Ma è così che deve andare, ognuno conosce la sua cura.

La cura non è nelle convinzioni, ma nelle conoscenze, in ciò che si sa di sé, che si apprende sul corpo. Con il corpo.

Io non conosco scorciatoie, so solo che devo aspettare che mi scavi, che mi frantumi. In silenzio, lontana dagli sguardi. Aspettare che la parte dolente si secchi, come una crosta, e cada da sola. Aspettare senza la tentazione di grattarla con un’unghia, così da evitare che lasci segni incancellabili.

Ognuno conosce la sua cura e la mia è questa

Allora succede che ogni tanto – ma proprio ogni tantissimo, anche tantissimissimo –  io abbia bisogno di toccare il fondo.

Di annientarmi, di morirmi.

Succede quando proprio non mi è più possibile andare avanti, quando il dialogo interiore si fa così serrato da farmi temere l’impazzimento imminente.

Sento il sintomo del crollo, lo sento vicinissimo,  incombente. E allora è il momento in cui devo forzarmi. Accelerare la discesa e cadere malamente.

Senza paracadute, senza alcuna forma di protezione. A testa bassa, caricandomi come un ariete, come un kamikaze.

Sciùùùùùùmmmm, caduta libera.

Velocità vorticosa, saetta, spirale, terapia d’urto, massacro, violenza, violenza su di me, ancora, sì, ancora più giù, vortice, vaaaai, vai, ancora un poco, è lì, sprofondaaaaa, vaaaaaai, centraloooooo, eccoloooooooo.

BUM.

Il fondo è stato toccato alle 5.44 di qualche mattina fa. Un dolore che credevo sarei morta.

A farmi compagnia innumerevoli tazze di caffè e totmila sigarette.

Alle 5.44 – ho badato bene a guardare l’orario per potermelo ricordare – non sono morta, ma ho iniziato a ridere, a ridere in modo incontenibile, convulso.

A ridere come se non mi fossi mai vista prima, come se fino a quel momento avessero mandato in giro una versione di me for dummies.

Ho riso di me, della mia stupidità, delle mie parole.

Delle mie ossessioni, dei sogni, dei desideri, delle ostinazioni.

In un modo così virulento da non potermi più torturare senza provare un irrefrenabile desiderio di ridere ancora, di dissacrarmi fino al midollo.

Ho riso tutta la giornata, nonostante crollassi dal sonno.

Ho riso di tantissime cose.

Alle 5.44 di qualche mattina fa ho toccato il fondo.

Porca miseria, quant’era profondo.

Va bene, va tutto bene. Come aver messo il piede su un trampolino elastico.

Oggi c’era la neve, tutt’intorno. Un gelo totale, qualcosa di irreale.

Ma dentro, dentro, la musica imperava. Chi mi ha visto lo sa.

Annunci

31 Risposte to “Slow-slow, quick-quick”

  1. Nuvolavola Says:

    forse non é un caso, allora, che ciò che hai scritto qui sia uscito postato proprio all’ 1 e 44. forse liberare le emozioni in questo modo è catartico..

  2. fuoridaidenti Says:

    Bene. Meglio così, no?

  3. VENTODITERRA Says:

    Questo sistema di rinascere ridendo di se’ stessi e delle proprie paure credo appartenga a tutti coloro che sanno curare davvero, perche’ ne conoscono la genesi, i loro dolori.

    Ben tornata a galla.

  4. Effe Says:

    chissà il resto del condominio, la felicità di essere svagliati all’alba da una risata convulsa e singultata.

    Ma senta, dal fondo si rimbalza subito su, o è necessarai una pur breve permanenza? Lo chiedo perché mi sembra importante permanere, per vaccinarsi, dico, per capire.

  5. Modesta Says:

    come ti capisco cara Flo, ah se ti capisco. Il mio dolore me lo sono scelta da bambina, viene fuori quando deve venir fuori, mi fa toccare il fondo quando lo devo toccare, perchè così possa rendermi conto della differenza che c’è tra su e giu, tra dentro e fuori, Un abbraccio

  6. zaritmac Says:

    Lo so.

  7. marzia Says:

    Flo ti ho appena scritto tramite Splinder.
    E ti ho letto in Ibridamenti.

  8. marzia Says:

    Il mio precedente commento non compare.
    Ok, Splinder fa i soliti capricci..

  9. Flounder Says:

    e per piacere, fino a fine mese, rivolgetevi a me iniziando ogni frase con: Lyubimaya moya

    (non fate domande, ve ne prego. non ne fate. potrei diventare assai aggressiva)

  10. riccionascosto Says:

    Credo di capire, ma non chiedo.
    A meno che non siano le 5.44 (in quel caso, però, non per telefono, potresti diventare aggressiva lo stesso)

  11. Flounder Says:

    i nomi, i nomi.
    i nomi delle persone sono bellissimi:
    Yakupov Zakyar’ya
    Palamarchuk Ivan

    un giorno vi racconterò di questo ottobre rosso.

  12. cybbolo Says:

    ehm: nessun periodo in compensazione? occhio agli emboli, ché le risalite precipitose possono essere pericolose…

  13. CarusoPaskoski Says:

    Tuffati di nuovo, sirena; io allungo le braccia e ti prendo.

  14. cletus Says:

    Ma dentro, dentro, la musica imperava

    un delizioso imperfetto, a chiusura di un altrettanto delizioso post.

  15. aitan Says:

    nei giorni peggiori della mia vita, tante volte, mi sono visto piangere allo specchio e m’è venuto da ridere, a crepapelle, e mi stavo già allontanando dal fondo

  16. sambigliong Says:

    proverò: alle 5 e 44 hai detto?

    (bellobellobello quello che hai scritto)

  17. Flounder Says:

    peccato solo che nel corso delle ore e dei giorni la musica si sia modificata: sono passata da Vuelvo al sur a Kalinka 🙂

  18. giorgi Says:

    Sarà una risata che li seppellirà… (tutti i dolori, gli sprofondamenti nel baratro, le orrende somatizzazioni).
    Evviva!

  19. Alderaban Says:

    Mi insegni? …

  20. ArimaneBis Says:

    Lyubimaya moya,
    dato che la mia piccola mania sono i riferimenti letterari, ecco qui:
    la risata taumaturgica per il Lupo della Steppa (e questo lo sanno tutti, credo): Mozart, in sogno processa e condanna il cupissimo H. a una colossale risata, su se stesso e sul mondo.
    L’anno del diagramma, R. Heinlein (questo invece lo sanno pochi: è un antico racconto del maestro della FS anni ’60: uno statistico pronostica una crisi globale osservando l’incremento dei fatti strani e inconsueti; la sua convinzione incrollabile: “le curve, dopo avere toccato il fondo, non possono che risalire; è una legge statistica”. Scientismo, ok, ma inoppugnabile).

  21. essenziale Says:

    I nomi, i nomi…
    Anche Satin Vyacheslav non è male…
    Pensa che sono ancora in contatto con molti dei miei informatori partenopei…
    Altro che KKB!

  22. Flounder Says:

    ma Penza te, come dicono alcuni 🙂

    (essenzia’, tu sì ‘na spia. io prima o poi a te ti acchiappo e ti faccio confessare. io lo so, lo so, che tu mi spii da vicino, che un giorno ci ritroveremo faccia a faccia, tu sapendo io chi sono e io no – cioè non sapendo chi sei tu e nemmeno chi sono io)

    vabbè, mo’ mi eclisso, vado.
    ci rivediamo tra un tot di giorni.
    do svidànija

  23. essenziale Says:

    Ne devi bere di stoli pe’ acchiappà a me!
    Nasdrovia!

  24. anonimo Says:

    uh, che bella risata che tieni!
    (buono quel fondo li’ che t’hanno venduto, eh!)
    ciao cara lyubimaya moya.
    i

  25. atvardi Says:

    Che musica sia.

  26. katiuuuscia Says:

    il fondo fa paura, e forse per esorcizzarlo ci viene da ridere.

  27. ipsediggy Says:

    lyubimaya moya, mai che tiaccacizzi la tua vita di fumatrice. ufs.

  28. GipoScribantino Says:

    Ciao, Flo.
    Che la musica ti accompagni sempre.

  29. Bhuidhe Says:

    Scorciatoie? Mah, dicono che le diete che vengono meglio sono quelle senza scorciatoia. Forse è così anche con l’anima. 🙂

  30. Flounder Says:

    e non è facile, credetemi, non è facile ridere di sé.
    perché spesso si parte con una buona intenzione, carica di autoironia e leggerezza, e per la strada la si tinge di involontario o consapevole sarcasmo.

    sono andata a cercarmi l’origine della parola sarcasmo ed era proprio come temevo: viene da un vocabolo greco che indica uno strappo nella carne, e dunque un sentimento intriso di rabbia.

    non è facile ridere di sé, se i denti che si scoprono sono aguzzi e dilaniano e masticano trasformando tutto in un bolo indistinto senza coglierne sapori e sfumature.

    è un altro, il modo che fa bene, è in quella risata con un retrogusto triste, che squarcia ma non deride.
    ed è difficilissimo perché vira al pianto, perché in fondo è l’ammisione di un’impotenza necessaria. è un’apparente retromarcia che se innescata bene diventa una molla per spingersi oltre.

    bisogna essere molto seri per poter ridere di sé, bisogna disporre tutte le cose con ordine e guardarle con obiettività, sapendo che tutto quello che fa male o è sbagliato non sta lì per caso.

    e solo dopo, quando si è riso a sufficienza, nel modo giusto, si scopre che il punto difficile è stato superato e bisogna iniziare il successivo livello di gioco, dove le insidie sono più sottili e nascoste.

    siamo al livello 256 di Pacman.

  31. FiocoTram Says:

    >non è facile ridere di sé

    Vero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: