Consigli per gli acquisti

E’ uscito il nuovo libro di Gianni Solla.

Gianni Solla è Hotel Messico, uno dei miei due blogghèr maschi preferiti.

Accattatavìllo.

Ma prima leggetevi La bellezza perduta, sul suo blog.

Ma poi leggetevi pure il resto. Pure le poesie, per esempio.

Annunci

21 Risposte to “Consigli per gli acquisti”

  1. Francesco170576 Says:

    ma non sarà una Sola?

  2. Flounder Says:

    e se è una sola andiamo sotto casa tua, glielo tiriamo nella finestra e gli scassiamo i vetri.
    va bene così?

  3. anonimo Says:

    Grandissimo, Hotel Messico.

    Bandini

  4. e.l.e.n.a. Says:

    a questo punto dicci chi è l’altro…

  5. Flounder Says:

    Hobbs

  6. e.l.e.n.a. Says:

    thanks.
    (ottimi)

  7. Flounder Says:

    per quanto, poiché mi è davvero difficile operare delle scelte, mi senta talvolta costretta a creare categorie definite, dai vincoli molto stringenti, in cui porre le cose.
    potrei ad esempio stabilire chi è la bloggheressa preferita che parla di cose personali con un occhio alla realtà, chi è il blogghèr che mi stupisce con effetti linguistici incentrati sull’uso dell’avverbio ma non dell’aggettivo.
    e così via.

    tuttavia messa alle strette, con una minaccia del tipo: puoi salvarne solo sei, tre uomini e tre donne, tutti gli altri blog periranno all’istante senza possibilità di salvezza, mi sentirei colpevole di omicidio virtuale, ma non esiterei.

  8. anonimo Says:

    A dirti lo vero stu racconto di Solla mi pare…ovvio, ma sai noi vanitosi, narcisisti, blogghèr atteggiati a scrittori simm’ na chiavica…la trama del libro mi pare interessante, però, e forse m’occatt’…(ovvio solo nello stile, ma io ci ho la fissa, perché secondo me sono milioni di anni che raccontiamo le stesse storie e quello che cambia è il come, ma su questo gradirei anche tuo intervento, se ti aggrada).
    A proposito dei post, commenti e cincianelle precedenti, siccome io nun teng internèt pret a portèr, consentirai che uso sto loco qua per scriverti che…
    quello Aitan sabe bien che Alfar è nu buon uaglion (e peccato che non è un poco ricchion’, anche se ier notte si è sognato che si masturbava la ciucia e un poco femmina si sente).
    Quello Aitan tene razòn che ad Alfar ci possiamo rompere la testa che quello Alfar è pure un poco masochista e ce piace e’se fà umilià, sobretodo desde las mujeres.
    Quello Alfar ci farebbe tanto rompere la testa anche perché ci sta tanta robba, sfaccimma e mmerda che ogni tanto avessa fuoriuscì, trovà na via d’uscita, na valvola e sogni, Muzzarè, bloggers, e vita quotidiana nun ci abbastano, anzi quelle sono le strafottutissime fonti energetiche del caòs di Alfar.
    Del Caòs di Aitan.
    E del tuo…meraviglioso, sobrio, coinvolgente caos…Flounder…e se io entrassi nella tua testa, temo di rimanerci come mosca nel miele.
    E quindi Alfar se la fa rompere la testa con essi voi solo a patto che ve la facciate rompere pure essivoi.
    Besos in quantità industriale
    alfar
    in minuscolo che so ciaciariello
    PS o film giapponese mò nun me và ro’ verè, ma ci torno, ci torno…

  9. Flounder Says:

    hai ragione, so’ d’accordo co’ tte.
    è anche un poco troppo sentimentale. ma ci azzecava bene dopo la giornata di merda di ieri
    (si può dire di merda in questo blog, si può dire pure peggio).
    l’ho segnalato per opportunità sociopolitica.

    ma leggiti tutto [la vita dopo i call-center], storie di precari lavorativi ed esistenziali e dopo gli fai un applauso. a me piace molto Nagasaki97.
    che essere narcisista non vuol dire non saper riconoscere che pure qualcun altro tiene le capacità.

    e voi Рpure tu Рmi piacete perch̩ scrivete forte e duro. che ̬ la ragione per cui mi piacciono pure Resuscito e Carrino.

    nella testa mia no, non ci si perde.
    sta tutto abbastanza in ordine.
    almeno credo.
    spero.
    vabbuo’, non fa niente 😀

  10. Climacus Says:

    hotel messico è bravissimo finché si tratta di prosa. Le sue poesie (è uno scrittore, perciò mi sento in diritto di trattarlo come tratterei qualsiasi altro vero scrittore; con i blogger sono più tenero) hanno lo stesso valore di pregevoli esercizi calligrafici per imbrattacarte. Come a dire che i suoi componimenti minimalisti distano dalla poesia di quell’abisso che passa tra la monodia e la polifonia.

  11. Flounder Says:

    e dipende. a me piace la Poesia e pure lo sfregio/spregio alla Poesia.
    sicché mi piacciono lui, il proeta e guidocatalano.
    e mi piaccio pure io, quando scrivo le mie poesie in spregio alla Poesia

  12. aitan Says:

    Io di/da Hotel Messico non ho letto molto, ma quello che ho letto m’è piaciuto.

    (E mi piacciono assai pure le prose di Hobbes e Alfar. Delle poesie non parlo, ma tante volte mi fa piacere leggere pure le tue, quelle del proeta e di guidocatalano; anche se dall’alto del XXI secolo non ci vedo né sfregio né spregio alla Poesia con la P grande. ma questa è un’altra quistione.)

  13. Flounder Says:

    io la poesia l’ho capita molto in tarda età cos’era.
    era un sasso lanciato nel vetro dei vicini, per esempio.
    era una ferita mal cicatrizzata che al mare si riempiva di granelli di sabbia e poi si infettava.
    era un urlo in mezzo alle belle parole, era una ninna nanna per dormire, era uno sfregio sulla fiancata di un’auto.
    insomma, era come queste metafore qua.
    impellente, come quando devi andare al bagno. e anche la sola cosa che resta quando non c’è più altro modo di dire. come nei paesi con la guerra, questo l’ho imparato grazie a Buràn.
    la poesia è il modo in cui respirano le parole, a volte col fiatone a volte di diaframma.

  14. SeVeraMente Says:

    Vado subito a leggere.

  15. manginobrioches Says:

    a volte con quel buco nella gola che si deve toccare per parlare, come quel tizio di Gomorra.
    Ma forse no. Io, in effetti, ancora non ho capito una cippa di come avvenga, la poesia. Di certo è una cosa che avviene. E quando avviene avviene.

  16. aitan Says:

    brava,
    brave!

  17. HangingRock Says:

    no, niente, volevo solo lasciarti questo…
    (mo’ però non ti eccitare)

  18. Flounder Says:

    credo che ti faccio scompagna a morte. 😀

  19. 8e49 Says:

    guarda che combinazione, lo sto leggendo ora, il libro di Hotel Messico 🙂

  20. Climacus Says:

    ho avvicinato uno specchio alle poesie di hotel messico e non si è appannato

  21. Flounder Says:

    luguberrimo 🙂

    fra’, ma tu vedi che combinazione, che coincidenza, che casualità 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: