Se proprio si deve fare Natale, facciamolo. Ma facciamolo poco poco. Pochissimissimo.

Quest’anno il Natale sta prendendo una brutta piega. Umida. Sgraziata.

Già che non sembra Natale, e  questo io lo vado ripetendo da quando avevo otto anni. E dev’essere un fatto assodato, questo degli otto anni, perché mia figlia, che ne ha nove, quest’anno per la prima volta ha detto che Natale – quest’anno – non sembra Natale. In compenso non si sa cosa sembra.

Si è diluito attraverso i mesi, questo Natale.

Non so da voi, ma qui da noi è cominciato ad Halloween, che a sua volta era cominciato a ferragosto. Dal sei gennaio poi sarà Pasqua. Tutta questa fretta deve essere per il fatto della precessione degli equinozi. O un equivoco di fondo.

Si è diluito e pure un poco ammollato. Sta tutto spugnato, appeso. Ammappuciato.

Pare quasi che non gliene importa nemmeno a lui, di venire. Se ne sta sulle sue.

C’è la crisi, dice, e sbadiglia.

Piove.

Piove come pioveva qui, senza sosta. O come su Brest, sans cesse, ce jour là. (Et tu marchais souriante Epanouie ravie ruisselante Sous la pluie, nun te scurda’)

E’ uno spreco vedere tutta quest’acqua scorrere. Così abbiamo deciso di raccoglierla e metterla in una  boule gigantesca in cui trascorrereremo tutte le feste, ovattate dai pallini di polistirolo che sono avanzati dal riempimento di una poltrona sacco.

Nella boule ci metteremo pure:

n. 1 Vesuvio innevato

n. 1 immaginetta di Lavezzi

n. 1 teglia di struffoli e cassate

n. 1 mazzo di carte napoletane

n. 1 panariello della tombola col doppio fondo

n. 42 cartelle della tombola e annessi fagioli (misto cannellini e borlotti)

n. 1 presepe antisismico con grotta abusiva

n. 1 pezzo di baccalà procapite (e guai a chi se ne piglia due, che gli cionco le mani)

più altre cose – poche – che non posso stare qui a dettagliare per mancanza di tempo.

Di tanto in tanto qualcuno arriverà, scuoterà la palla e noi ricadremo sorridenti, privi di gravità. Leggeri. Lontani dalle cose del mondo, dai pensieri brutti, dall’infelicità.

Ci baceremo, gnauleremo, ci accicceremo. Morbidi e azzeccosi.

In pieno centro di Napoli, ammassate tra bancarelle di presepi veri finti cinesi e mutande super sexy taglia cinquantadue, ho sentito due tizie che parlavano.

Una diceva all’altra: ma tu lo sai che in America ci sta una ditta che ti fa i vibratori sul modello originale? Tu vai co’ tuo marito, gli pigliano la misura e te lo fanno tale e quale. Sai che bel regalo, per Natale.

L’altra rispondeva: uh, mammamia. Una già ha passato un guaio al naturale, lo deve passare pure artificiale? Se proprio s’adda fa’, s’adda fa’ comme si deve!

A me questo Natale mi fa paura, mi fa.

Annunci

13 Risposte to “Se proprio si deve fare Natale, facciamolo. Ma facciamolo poco poco. Pochissimissimo.”

  1. ilcavaliere Says:

    anni fa passando per la Pignasecca,
    davanti una di quelle salumerie traboccanti di papaccelle, gran turchese, sfilatini, parmigiani, mortadelle, mulini bianchi etcevesi etcevisi, riflettevo che il modo di dire, “nunnè sempe Natale” era scaduto, era stato mandato in obsolescenza dalla avanzata ed avanzante società dei consumi globali locali e multimediali. Tutto il senso ed il significato della sfoggiata, ricercata, predisposta opulenza natalizia tradizionale, traeva il suo antico significato nell’operosa società “eticamente” in lotta con la fame che si preparava al duro inverno, facendo scorta di carboidrati, zuccheri, grassi, affetti e sciavcarie. Il mercato contemporaneo non ha più, in questo resto di medio occidente, discontinuità; ogni giorno è Natale da questo punto di vista, così come da altri ogni giorno è o’ quatt’e Maggio, ma quasta è un’altra storia.
    Palle, mercati e botteghe a parte, per me Natale è l’unico momento dell’anno in cui riesco a vedere mia nipote, uno dei pochissimi in cui vedo mia sorella, mio cognato, forse qualche zia, uno dei pochi in cui sto con i miei genitori, l’occasione per dare un aiuto a mio fratello disoccupato, e poi l’altra sera mio figlio ha visto per la prima volta tutti quegli alberelli luccicare su via partenope ed il suo sguardo si perdeva con la bocca aperta che non sa ancora pronunciare oooh………

  2. Flounder Says:

    cavaliere, erano almeno vent’anni che non sentivo la parola sciavecarie.
    mi sono emozionata assai.
    una specie di madeleine linguistica.

    se solo penso che dopo il 24 e il 25, il 26 ci dobbiamo scendere pure il manfredino con la ricotta, già mi viene da piangere.
    quest’anno non ce la faccio, meno che mai. tutta questa opulenza priva di senso ed etica mi incattivisce.

  3. arduous Says:

    signurì, siccome che ci tengo troppe femmine io, mi ci potete dare l’indirizzo di quel negozio mericano che io a volte non zo come mi devo spartere?

  4. aitan Says:

    Ma veramente viene quell’altro giovedì?

  5. Flounder Says:

    domani sera vi attocca il post sull’organizzazione del cenone 😀

    (ardù, volete realizzare una produzione in serie?)

  6. Zu Says:

    Avete stabilito l’ordine del giorno per le riunioni preliminari?

  7. Flounder Says:

    di più, di più: il doppio veto.
    come al Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

  8. anonimo Says:

    – Và!, a mamma toia. Fa ambresso, o si no ‘sti maccarune addiventano ‘nu cato ‘e colla –
    ‘O Guaglione esce ‘a dint’o vascio nummero 24 d’o vico Neve a Materdei. ‘Nchiuso ‘o telaro addereto ‘e spalle, ‘o Guaglione ca nascette a vigilia ‘e Natale ‘e ottanni fa, guarda e ruie late d’o vico: nun se vede né Gino né Titina nè Miluccio nè Carmelina, ca stanno ‘e case ‘o vascio ‘e rimpetto ‘o suio. Nun ce sta nisciuno d’a banda d’e piere scaveze. Addò maronna songo iute? Fa ‘nu friddo ca trase dint’a ll’ossa. E, votta ‘nu viento friddo friddo: scipp’a faccia e, taglia ‘o naso.

    Volano ddoie carta ‘e giurnale, ‘nu cartone ‘e don Luigi ‘o Canteniere e ‘na buotta ‘e pelate cu ‘a lengua a fora: rucelea: sona ‘a musica soia, nzieme ‘o viento ca cammina, e po’ corre. Ncopp’o a buattella d’e ce sta ancora ‘o fuglietto cu ‘a Pacchianella ca ride: tene ‘e labbra rosse e capille nire, ‘o mantesino annanzo, comme maronna è bella…, scioscia ‘nu viento forte ca se porta pure a essa abbasci’o vico, addò s’ammuntonano carte, cartune e cartuscelle. Mamma soia, Colomba Mammazezzella, affacciannose ‘o telaro ha ditto: – Muovete a truvà ‘nu poco ‘e lignammo, se sta facenno scuro. – E’ fernuta ‘a bombola e don Franco Bibbigas ha ditto: – Mammazezzella songo tre mise ca ‘o rebbeto aumenta. Si nun me pave ‘o viecchio, nun te pigli ‘o nuovo. ‘O Guaglione sta cercanno dint’o vico ‘a legna p’appiccia ‘o fuoco d’o rasiere e fa vollere a tiana pe’ cucenà ‘a pasta. Finalmente ‘o pontone d’o vico ce stanno quatte cascette d’o pisciavinelo, però…feteno e, songo ‘mpurpate d’acqua. Nun fa niente, pensa Guaglione, mentre corre a casa pe’ fa appiccia ‘o fuoco sotto ‘a tiana. Dint’o vascio ce stanno tutte quante: cinche frate mascule e quatte sosore femmene: aspettano ca volle ‘a tiana. Manca ‘O capo famiglia songo quattanne ca manca. Guaglione sape ca partetto pe’ ‘nu viaggio luongo luongo, ma p’o mumento nun è turnato. Pe’ Guaglione nun ce stanno domanda né risposte, ma ‘nu silenzio niro, ca s’adda scanaglià faccia e faccia, nun sapenno e nun sapè.

    P.S Il presente è l’inizio di un racconto inedito, intitolato: A petto di rondine.

  9. Flounder Says:

    buongiorno, buonasera, donna Flo’.
    sono Pinco Pallino.

    no, così, per dire.
    uno poi magari vi offre pure il caffè.

  10. anonimo Says:

    Signurì Flounder, a proposito d’o sproposito ma vuje site francese o ‘ngrese?, comme stevo dicenno, a nuje luvatece tuttocosa, ca saccio ”o mare ‘o sole ‘a sfugliatella ‘o pagnuttiello cu e cicoli a pizza fritta addu Fiorenzano a Muntesanto e adde figliola ‘e Tribunale, ma p’ammore ‘e dio-Dio, ‘o cafè cu ‘na presa d’annese no!: nun sia mai. ‘Na bella femmena comm’a vuje ‘nu sacrilegio ‘e chisto nun ‘o facesse maje. ‘O site accussì cattiva a ce rifiutà ‘na tazzulella o ‘nu surzillo ‘e cafè?

  11. Flounder Says:

    sono bruttissima e cattiva. e il Natale non fa che peggiorare le cose.
    non lo sapevate?

  12. cassiera Says:
  13. Flounder Says:

    ahahaha. bellissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: