Après tout, c’est la vie.

Piccole cose da notare, quasi niente da sottolineare. Un indizio di primavera, un enorme spazio vuoto da riempire. Qualche timido progetto, uno scorcio in prospettiva. Wurstel e patatine, un rapper sconosciuto. Cose apparentemente senza importanza. Accumuli di briciole. Formichine in fila. La beffa del finto stile coloniale, il grottesco di ogni forma di imitazione. Una serra in un grande magazzino, immaginata in un giardino d’inverno, dove al caldo di una stufa osservare la vegetazione che rinasce.

Sogni di futuro, sogni di presente. Nessuna promessa da fare, nessuna da mantenere: il prezzo della libertà, il suo gusto agrodolce.

(in sottofondo Marta Glen, Destiny o Believer. O Enough. Après tout, c’est la vie)

Annunci

Una Risposta to “Après tout, c’est la vie.”

  1. certepiccolemanie Says:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: