Archive for settembre 2014

Flegrea.

settembre 15, 2014

da Parole Sotto Sale
PiccoloVocabolarioPoetico di Claudia Fabris
Abbandono:
c’è dentro un dono
ma non te ne accorgi
Deve essere una buona notizia
che si traveste malamente
tanto da sembrare cattiva

Mi prendi, mi rivolti di parole, mi dissodi, mi trasformi in un giardino fiorito, qualcosa mai vista, no, solo dimenticata. Qui, nella terra dell’Orco, dove nacqui, dove sono già stata.

Era l’estate, un’estate lontana, e dimenavo i fianchi di ritmi sudamericani.
E’ passato molto tempo da allora, così tanto tempo, da allora. Tu mi guardavi e ridevi, come non avermi mai vista, non mi riconoscevi, nemmeno io, era questa terra a trasformarmi, quando ancora non sapevo cosa accadeva al mio sangue.

Io vestita di abiti di Carnevale, odalisca che muovo i fianchi, ma questo è accaduto prima, ancora prima, qui ho sempre mosso i fianchi.

Vado ancora a ritroso nel tempo, prima del prima, nell’anfiteatro, in un pomeriggio di primavera, mentre mi prendi lontano da ogni sguardo e siamo tanto giovani e il sole che ci aspetta fuori e io sorrido e ancora non lo so che questa terra mi appartiene, che appartengo a questa terra. Tu mi ci porti e mi insegni. Tu mi spiani la strada verso me.

Lo so solo dopo, anni dopo, quando ritorno dopo essermi persa e vengo a cercarmi e arrivo qui, sulla collina e sotto mare immenso di inverno punteggiato di isole e golfo e io non so, non so ancora niente del profondo di questo luogo, ma dimeno i fianchi in una danza sconosciuta e muovo i piedi nudi sull’erba e qualcosa dentro di me mi agita e mi trasforma e mi conosce e mi riconosco.

Ma è stato un attimo prima, prima di dimenticarmi, che ancora ero qui, magra e intensa.
E’ quel giorno che siamo sul porto, sotto la Terra che sbriciola e si alza e si abbassa. Mi ci avevi portato quando eravamo poco più che ragazzi. Sì, forse quella è stata la prima volta, in assoluto, quando ho sentito che questo luogo era mio, e non volevo andare più via. Quando ho giocato a nascondino tra le case abbandonate.

E l’ho amato, e poi dopo ho amato te, poi tutti che erano sempre te e tutti li ho portati qui, per riconoscerli e farmi riconoscere, dimenando i fianchi che un giorno sono stati coda di squame.

Ma quello sul porto era un addio, un abbandono, avevo jeans a fiori e una camicia bianca e piccoli seni che raccoglievi nelle mani a coppa.
Dal mare i pescatori ridevano e la terra tremava sottilmente, e io sparivo e riapparivo altrove.
Un abbandono tra i tanti. Per il dopo che verrà. Un dono che ancora non so.

Un dono che sempre mi aspetta.

Il dopo diventa il tempo dell’acqua, il calore dei fumi, e la sera tornavamo a casa leggeri e mi preparavi da mangiare e annusavi la mia pelle di zolfo e salmastro e mi dicevi che ero bella, come Patti Smith, ma di più, e avevo voce roca e dimenavo i fianchi. Tu mi accendevi una sigaretta e me la poggiavi tra le labbra nel fare l’amore, poi la riprendevi ed era il solo momento in cui fumavi, tra il letto e la scrivania. Poi me ne sono andata così lontano e la nuova terra mi dava tremori alle ossa e nei muscoli. Il medico spiegava che mancavano potassio e magnesio, in questa nuova terra. Ma non era questo, allora non lo potevo sapere che invece era il sangue, la radice, il sale mio.

Poi è stato ancora dopo, nuovamente, un tempo ancora dopo, sopra la collina, col cane che mi si addormentava in grembo e la pioggia che aveva tutto trasformato in fango e io sorridevo, come se nulla potesse strapparmi da quelle rocce. E’ durato un attimo, poi il fango ti ha trascinato a valle, che non eri saldo.

Quando sono tornata ancora, sono tornata all’acqua e ai vapori e ti ho incontrato che mi aspettavi.
Mi hai baciato su uno scoglio e di nuovo ho mosso i miei fianchi, più forte che mai. Non sapevo che avrei avuto una figlia, dalla spuma e dal lago, con onde di rabbia così simili alle mie, di sentimento increspato e concentrico, di addio insistente e temuto.
La prima volta che l’ho portata a questo lago era talmente piccola, pioveva. Siamo state tra i soffioni caldi, avevo jeans neri quel giorno, ricordo sempre ogni dettaglio e poi l’ho portata lungo la costa del mare, ma i bambini dimenticano, non sanno, se non molto dopo, del ventre di terra che li ha partoriti e li segna.
E ancora prima una mattina nel fondo del cratere, un mondo inverso dove le ho mostrato piante e uccelli. Ma questo è stato prima, prima che camminasse. Tu mi andavi accanto senza sapere che eri straniero nella mia terra, in questa terra di mare e rocce laviche, dove io avevo pensato di riconoscerti, ti ho riconosciuto, ma è stato un momento breve, il mare chiama con la sua voce e non si può fare altrimenti.

1538, in una notte emerge il Monte Nuovo, la terra si sconquassa e non si fermerà mai più, un continuo formarsi di avvallamenti e colline, di buchi nel terreno e pozze d’acqua che ingigantiscono e tunnel sotterranei allagati. Io sono sempre lì, acquattata sotto la costa, e mi pettino i capelli e tu passi e guardi e ti lasci ammaliare da una me che solo qui riesce a cantare.

Poi arrivi da lontano, vengo a prenderti a una stazione o un aeroporto, non lo ricordo più e ti porto nel mio regno, entrando di soppiatto. Come se tutto mi appartenesse, nonostante gli enormi cartelli di divieto. Mangiamo lumache di mare, pesce, all’aeroporto depositi baci leggeri sul mio collo e io lascio fare. Nel mio regno non mi oppongo a nulla, accade.
Io solo dimeno i fianchi, quel che fu la mia coda.

Ma prima, prima c’è stato un momento in cui sono stata nell’acqua calda, insieme a te, un altro te, e nell’asciugarmi mi abbracci, in uno spogliatoio angusto e stringo l’asciugamano tra i denti perché dall’esterno non sentano la mia voce e i gemiti.

Poi dopo succede altro, sull’isola che oggi è irraggiungibile, dopo il lungo tunnel. L’isola scomparsa dove dopo poco scompari anche tu. La mia isola non ti piace e nemmeno tu allora puoi piacermi. L’automobile che non riparte e restiamo bloccati, tu che perdi un aereo e allora ti porto all’estremo della mia terra.
La mia terra comincia con le bocche e finisce al promontorio, è una terra di maghe e inferi. Io non lo so, ancora non l’ho imparato: mi muovo tra le coste con ritmo di fianchi, conosco tutte le rocce e non so perché. Mi muovo dalla bocca e finisco al promontorio.

Lo imparo ieri, soltanto ieri e ora lo so per sempre. Lo imparo finalmente ieri, perché così tanto lo avevo vissuto senza saperlo e finalmente la tua parola mi dice e mi insegna.

Lo imparo sempre, ogni volta di nuovo. Come la volta che ti percorro irraggiungibile, sei promontorio lontano, lontana la tua bocca, smisuratamente distante, dove i miei fianchi annaspano e non riesco a trovarti.

Poi torni, e  hai un nuovo volto e siamo in mezzo al mare, coi capelli scomposti dal vento e tu che barcolli sulle caviglie malferme. E mi sembra che tu appartenga a questi luoghi quanto me, poi te ne allontani e ti perdo e ogni volta, per ritrovarti, ti cerco lì.
Lì ti ritrovo, altrove mi sfuggi, in altri mari non siamo più gli stessi, la mia voce si perde, non arrivo distante. Sono di questo mare e queste erbe, di queste acque termali che non mi lasciano andare, senza le quali mi raffreddo e muoio.
Ogni volta che torno mi incammino, il tragitto è disseminato di me, dei miei fianchi ondulati, di tutti i te che qui ho amato, ogni volta con un volto diverso. Ma eri lo stesso, sempre di passaggio.
E sempre mi abbandoni, che è come un dono solo male impacchettato.
Mi lasci libera per altro, come un dono per quel che verrà, per quando verrai di nuovo, con sembianze nuove. Ma io sempre, sempre ti riconosco, da sempre. Da quando mi hai portato qui per la prima volta, fino a ieri. Come una calamita che qui mi conduce per riconoscerti.

Nessuno posso amare che non passi di qui, che non ami questo mare e queste grotte e tutti i dettagli che trascuro nel mio racconto e le volte che ho ballato, sul passato, dimenando i fianchi.

Sempre, dimeno i fianchi in questa terra, non c’è nulla di osceno.

E’ stato prima, molto prima, che eri ubriaco e mi hai portato qui a vedere il mare. E io non sono giovane come sembra, e sono inesperta, ma quando arrivo qui è come se risalisse una memoria profonda di fianchi e code e so cosa fare, in silenzio.
E ancora qui, mi ritroverai tra mille e mille anni, mentre ti incanto, tu che arrivi ogni volta con un volto diverso e sempre poi mi abbandoni e io lascio che tu vada, e un giorno il mare ti riporta e tu hai dimenticato ma io rammento tutto e so cosa fare, mentre spingo le mie parole iridescenti sotto i riflessi di sole
Anche se sei di passaggio, ti porto qui. Come quel giorno che ho portato anche te, così alto e biondo e di sguardo di acciaio e tu non capivi cosa mi legasse a tutto questo.
Mentre invece tu, quando sei comparso, lo sapevi, e mi dicevi che ero terra rossa e dea e Grecia tutta e tante cose che ripetevi e io non sapevo, ma la mia pelle sentiva.
E sempre sarò qui, che ti aspetto, qualunque volto tu abbia.
Sempre ti aspetto, per sapere se hai sapore di sale o di polvere, se ti consuma l’acqua o il vento, per sapere fin dove ti spinge l’onda dei miei fianchi. Ho così tanto da dire, da dirti ancora, di questo luogo che mi abita, che è il solo luogo nel quale so essere.
E’ stato ieri che l’ho imparato con le parole giuste, con il vento che mi trapassava la pelle e le mie parole che trapassavano il cuore e le tue parole che mi hai insegnato ancora una volta di me, come se non mi fossi mai vista.
Sono qui che aspetto. Mi riconosci, dimeno i fianchi come coda di pesce e racconto storie all’orecchio.
Tu mi abbandoni a me stessa e io mi abbandono ad altro, come un dono nascosto.
Tutto questo io non posso dimenticare mai, e ogni volta pago il prezzo di un magone che si dissolve in schiuma e per un momento, un solo istante, brevissimo, dimentico e tu appari e mi sembri sempre nuovo, come se fosse la prima volta e non tutte le vite che ti ho incontrato e poi sempre mi abbandoni, per restituirmi a me fino a che torni con altro volto, e sempre io ti riconosco, fino all’abbandono.

E sempre il mio abbandono non ti basta e te ne vai, e questo è il tuo dono, quello che fino a ieri ancora non so.

Annunci